OCCUPIAMOCI: BIKE ECONOMY e INCLUSIONE SOCIALE



Occupiamoci è un progetto promosso da Fondazione Mission Bambini, Fondazione Canali Onlus,

Fondazione San Zeno e UniCredit Foundation che si pone l'obiettivo di favorire l'inserimento lavorativo dei

giovani, promuovendo un mercato del lavoro maggiormente inclusivo, con minori barriere e divari sociali,

culturali, geografici, generazionali e di genere, rivolto ad organizzazioni non profit, che intendano rafforzare

o sviluppare le proprie attività produttive oppure avviare nuove iniziative di imprenditorialità sociale.

L’associazione Caracol in partnership con l’Associazione Napoli Pedala è stata selezionata a seguito di un

bando tra soggetti a livello nazionale per svolgere quest’attività.

Le attività del progetto si sono svolte presso la Bicycle House il primo hub del ciclista urbano con una

ciclofficina, un bikebar, una proposta dettagliata di biketour, un bikeshop e l’attività di bike messangers.

Per lo svolgimento di queste attività sono stati selezionati e formati giovani di età tra i 18 e i 29 anni, con

particolare attenzione al coinvolgimento di giovani migranti e richiedenti asilo.

La diffusione dell’uso della bici in città, oltre ad avere diretti benefici di decongestione del traffico veicolare,

di benessere individuale è sempre più un’opportunità di promozione di opportunità occupazionali. La bike

Economy, il macrosistema che valuta in termini economici i benefici ambientali, sanitari e sociali connessi

all'uso della bicicletta è in costante crescita. Vale in Europa 200 miliardi e impegna più di 70.000 lavoratori,

crea un'occupazione quattro volte superiore a quella dell'industria dell'auto e se nelle città europee si

pedalasse come a Copenaghen (26% degli spostamenti su due ruote) si creerebbero circa 76.600 nuovi

posti di lavoro green. Usare la bici poi, come dice l'Oms, fa risparmiare 110 miliardi di spesa sanitaria e 3

miliardi di riduzione dell'inquinamento.

Con il supporto della Fondazione Mission Bambini e del progetto Occupiamoci, la bike economy si rafforza

anche a Napoli.